Il Progetto

Immedesimarsi in un’ape, sperimentare in modo differente la percezione degli alberi nei nostri parchi o toccare con la propria mano i “ghiacciai che si sciolgono” permette di vivere in prima persona esperienze che consentono di fissare concetti, immagini e ricordi, che diventano poi armi potenti nella formazione della personalità dell’individuo.

 

Portando, in maniera totalmente gratuita, bambini e ragazzi  con e senza disabilità visiva in luoghi da scoprire (o riscoprire, come parchi e cascine del capoluogo lombardo), resi accessibili per permetterne la fruibilità a tutti, vogliamo lasciare un segno, un sorriso, un seme di impegno sociale e ambientale per contribuire alla crescita attraverso il gioco, il divertimento, il fare.

Obiettivi
Attraverso esperienze inclusive, emotivamente coinvolgenti e divertenti, il progetto si pone i seguenti obiettivi:

  • recuperare una socialità partecipata e inclusiva, messa a dura prova dal lungo distanziamento, che ha accentuato ancor di più l’isolamento delle persone con fragilità sensoriale, attraverso un'interazione tra le persone, che abbatte i pregiudizi, le barriere percettive e garantisce a tutti pari opportunità, rivolgendo ai minori con e senza disabilità visiva la medesima offerta ludico-didattica;
     

  • aumentare la consapevolezza, la sensibilizzazione e la qualità e quantità di informazioni in tema di temi cambiamenti climatici e sostenibilità ambientale, insegnando a salvaguardare il Pianeta attraverso la comprensione e la sperimentazione in prima persona del rispetto - prima di tutto - del prossimo;
     

  • diffondere una cultura di solidarietà e uguaglianza,
    aumentando la capacità di utilizzo del “linguaggio universale” della multisensorialità, per arrivare ai più̀ giovani in un modo efficace, divertente e capace di superare pregiudizi e preconcetti, per trasformarsi in esempio da attuare e replicare in tutti gli ambiti dell’agire quotidiano;

     

  • promuovere l’importanza della “Scoperta”
    di nuovi luoghi, nuovi amici, nuove prospettive e caratteristiche differenti da noi stessi, per scoprire poi che si è molto più simili di quanto non si immaginasse;
     

  • sensibilizzare sull’adozione di stili di vita sani,
    puntando ad una tutela dell’ambiente di lungo termine, attraverso la valorizzazione delle attività all’aperto e del contatto con la natura;

     

  • aumentare il livello di competenza degli operatori
    (progettisti, educatori) e della comunità educante coinvolta attraverso percorsi di formazione interna sul variegato mondo della disabilità visiva, mettendo così a sistema il valore aggiunto di risorse umane e organizzazioni diversificate e generando un effetto moltiplicatore con una durata che travalica il periodo di progetto, andando a beneficio di un numero di utenti complessivo che crescerà progressivamente nel tempo.

uguaglianza.png
sostenibilità.png
operatori.png
mani.png
stile-sano.png
scoperta.png